Movimento di resilienza italiana

 

Cosa

Resilienza italiana: un movimento d'Arte, un vero moto, per la rinascita della cultura italiana. Un movimento inclusivo: nato da un gruppo di 7 persone, trova il presupposto della sua esistenza negli incontri, nei dialoghi, nella mescolanza di prospettive differenti, unite da un unico obiettivo: la resilienza italiana.

What

Resilienza italiana: an Art movement, a real motus, for the rebirth of the Italian culture. An inclusive movement: born from 7 persons, it exists in function of meetings, dialogues, a blend of different perspectives united behind a single aim: the Italian resilience.

Perché

La resilienza è la capacità di risalire da crisi culturali e di valori, sicuramente vincibili; di ripensare le persone, la cultura e l’arte nel contemporaneo. Resilienza è ritrovare la dignità dell'essere artista e del fare arte e cultura – nel senso più ampio – oggi. Qui, in Italia. Non è fare una rivoluzione, non è opporre resistenza; né pensare a un lontano rinascimento o risorgimento. È esserci. Oggi. 

Why

Resilience is the ability to recover from the crisis of culture and ideals, surely overcoming. Resilience is the talent of rethinking persons, culture and art in a contemporary light. Resilience is the way to recover the dignity of artists and culture-making – in a broader sense – now, here and today, in Italy.

Come

Chiediamo a tutti di diventare resilienti. Di dialogare. Di suscitare il dibattito. Di condividere progetti. Di portare avanti il messaggio profondo dell'arte e della cultura italiane, attraverso la loro ricollocazione nel presente e nel mondo con le altre culture. Perché riusciremo a superare un individualismo che ha da tempo mostrato tutta la sua superficialità e impotenza soltanto insieme. E perché soltanto insieme avremo la forza di essere individui.

How

We ask everyone to become resilient. To dialogue. To promote debate. To share projects. To advance the message of Italian art and culture, setting them in their context and in foreign cultures. Only together can we transcend superficial and helpless individualism. Only together will we be strong enough to assert ourselves as individuals.

Chi

Ilaria Bignotti e Francesco Arecco hanno ideato il Movimento e creano proposte di dialogo e collaborazione fra artisti, operatori della cultura, donne e uomini resilienti.

Hanno chiamato 6 scultori – la scultura è presenza, immanenza, impegno – per formare il nucleo di origine del Movimento.

Insieme hanno elaborato, discusso, firmato e pubblicato il Manifesto di un movimento che ha l’ambizione di diventare grande. Non per sé, ma per tutti. Perché i resilienti sono le persone e le organizzazioni che lavorano per diffondere un messaggio di risalita, per creare e ampliare una rete che vuole essere internazionale e interdisciplinare. Semplice. Perché complesso.

Who

Ilaria Bignotti and Francesco Arecco thought the Movement and works to create proposals of dialogue and collaboration between artists, culture operators and resilient individuals.

They called 6 sculptors – sculpture is presence, immanence, diligence – to form the core of the Movement.

Together, they drafted, discussed, signed and published the Manifesto of a movement striving to attain greatness. Not for the sake of greatness, but for the benefit of all. Because resilient people work to share a message of renewal, to create and develop an international and interdisciplinary community.

   

ultime notizie